WELFARE: LE PAROLE SONO IMPORTANTI

WELFARE: LE PAROLE SONO IMPORTANTI

welfare parole importanti g11

“Le parole sono importanti” gridava il Nanni Moretti di “Palombella Rossa”, senza raggiungere gli eccessi del suo sfogo è importante sia usarle in modo appropriato che conoscerne bene il significato; prendiamo la parola “welfare” che, trasposta dal mondo anglosassone, è ormai entrata nel nostro vocabolario a pieno titolo. Pensiamo che anche il nostro Ministero del lavoro e delle politiche sociali viene spesso chiamato Ministero del Welfare.

Personalmente questo termine mi trasmette sensazioni positive; non sto parlando del benessere fisico legato al “wellness”, ma ad un benessere più legato alla propria vita in generale, ai bisogni, alle aspirazioni, ai rapporti sociali. In effetti il dizionario inglese associa al sostantivo welfare proprio il significato di “benessere”, “salute”, “assistenza”, “bene”.
E trasferire il welfare sul piano aziendale significa proprio pensare ad un miglioramento della vita di coloro che compongono la propria organizzazione. E ciò presuppone una forte attenzione non solo alle loro capacità professionali e al loro ruolo specifico in azienda, ma soprattutto alla loro persona.

Un piano di welfare non si deve mai affidare al caso o a modelli di altri che vengono adattati solo perché da un’altra parte hanno funzionato bene. Ogni azienda deve analizzare la propria situazione, gli obiettivi e le aspettative del piano che vuole realizzare, ricercare i bisogni dei propri dipendenti e collaboratori e da questi partire.
Chi riceve un servizio dalla propria azienda che risolve un proprio bisogno, magari quotidiano (pensiamo a servizi per l’infanzia, ai servizi per centri estivi per i bambini) quale valore darà a questo servizio? Di sicuro un maggior valore rispetto ad un puro aumento economico perché percepisce che dietro alla scelta aziendale vi è una considerazione che va al di là del lavoro e si apre alla propria realtà familiare e sociale e ai propri bisogni reali.

Tutte le aziende, oltre alle proprie risorse finanziarie, hanno un altro Capitale vitale e strategico: il Capitale Umano. Ed è quindi altrettanto vitale e strategico accrescerne il valore con soluzioni e dinamiche specifiche.
L’essere umano, in generale, viene motivato e stimolato soprattutto attraverso la considerazione del proprio essere come persona, prima che del proprio essere parte di un’organizzazione e dell’avere un ruolo in essa. E porvi attenzione, anche con un efficace piano di welfare (ma non solo) non può che far bene all’azienda e produrre risultati positivi in termini di:

– clima aziendale
– collaborazione
– sviluppo
– fidelizzazione
– riduzione dell’assenteismo per esigenze di conciliazione vita/lavoro
– produttività
– etc etc etc.

Facciamo un altro esempio di Welfare che in diverse realtà potrebbe essere adottato senza forti impatti sull’organizzazione: la flessibilità dell’orario per le lavoratrici madri.
Perché non valutare la possibilità di concedere un orario flessibile a coloro che hanno bambini piccoli da portare/andare a prendere a nido/asilo? Come lavorerebbe la lavoratrice che sa che può utilizzare magari un orario continuato con il quale può sia gestire l’entrata che l’uscita dei figli senza assillo? Di sicuro ne guadagnerebbe in tranquillità personale e quindi sul lavoro sarebbe più serena, concentrata e produttiva.

E all’azienda, in questo caso, il beneficio potrebbe anche essere a costo zero.
Non si può generalizzare, ovviamente, ma a volte si potrebbe migliorare la situazione anche con accorgimenti semplici, magari guardando le cose da un altro punto di vista.
E fare welfare è anche questo.

Danila Macchi


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

SPUNTI DI RIFLESSIONE IN TEMA DI WELFARE

Stralci Tratti dal Rapporto Annuale 2016 Istat Ogni anno il Rapporto dell’Istat offre al Parlamento e ai cittadini una riflessione... leggi tutto

WELFARE: LE PAROLE SONO IMPORTANTI

“Le parole sono importanti” gridava il Nanni Moretti di “Palombella Rossa”, senza raggiungere gli eccessi del suo sfogo è... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

Condividi questo post