Autore - admin

ASSEGNO SOCIALE E CARTA DI SOGGIORNO

Assegno sociale e carta di soggiorno | G11

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 24981 del 6 dicembre 2016, ha affermato che non è irragionevole subordinare la corresponsione da parte dell’Inps dell’assegno sociale alla titolarità della carta di soggiorno, in quanto la stessa è indicativa di un radicamento sul territorio, pertanto, ratione temporis, trova applicazione l’art. 80, comma 19, della legge n. 388/2000.

La questione sottoposta al vaglio dei giudici di legittimità riguarda il caso di una donna extracomunitaria che si era vista negare dall’Inps l’erogazione dell’assegno sociale. Nel dettaglio la donna, ultrasessantacinquenne, risiedeva in Italia da oltre 10 anni ed era in possesso di un regolare permesso di soggiorno e dei requisiti necessari ai fini dell’accesso al beneficio.

L’art. 80, comma 19, della legge n. 388/2000 prevede il riconoscimento dell’assegno sociale agli stranieri in possesso della carta di soggiorno, mentre, per le altre prestazioni e per gli altri servizi sociali l’equiparazione tra cittadini italiani e stranieri è possibile solo per coloro che sono in possesso di un permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno.

I giudici di legittimità, confermando una precedente sentenza (n. 22261/2015), hanno ribadito il principio di diritto secondo il quale non è irragionevole l’applicazione, ratione temporis, dell’art. 80, comma 19, legge n. 388/2000, che consente agli stranieri legalmente residenti in Italia e in possesso della carta di soggiorno, indicativa di un suo radicamento in Italia, di poter fruire dell’assegno sociale.

Il principio della Cassazione viene così confermato anche in seguito ad una recente ordinanza della Corte Costituzionale (n. 180 del 15 luglio 2016) con la quale è stato affermato che la l’art. 1, comma 1, legge n. 133/2008, non viola i principi enunciati dall’art. 14 della CEDU.

In particolare, l’art. 1, comma 1, legge n. 133/2008, subordina, a partire dal 1 gennaio 2009, l’erogazione dell’assegno sociale a quei soggetti che abbiano soggiornato legalmente ed in via continuativa in Italia per almeno 10 anni. Pertanto, la norma non contiene alcuna discriminazione tra cittadini extracomunitari (a seconda che siano titolari o meno del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo) e tra cittadini stranieri e italiani (perchè il requisito riguarda tutti gli eventuali fruitori dell’assegno).

Pertanto gli Ermellini rinviano la sentenza al giudice d’appello affinchè accerti se nel periodo compreso tra il giorno in cui è stata presentata la domanda amministrativa e il 1 gennaio 2009, sussistevano le condizioni per la concessione dell’assegno sociale.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

ASSEGNO DI NATALITÀ ANCHE PER STRANIERI CON CARTA DI SOGGIORNO PER FAMILIARE

Estensione dell'assegno di natalità agli stranieri | G11

L’Inps, con la circolare n. 214 del 6 dicembre 2016, in seguito al parere del 27 luglio 2016 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, ha previsto l’estensione del beneficio dell’assegno di natalità anche agli stranieri in possesso della carta di soggiorno per familiare.

Mentre la circolare n. 93/2015 aveva previsto la corresponsione dell’assegno di natalità solo agli stranieri in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, il Ministero del lavoro ha esteso il beneficio anche a quei soggetti in possesso della carta di soggiorno per familiare di cittadino italiano o comunitario e al possessore di carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro dell’UE.

In via transitoria, nell’attesa che sia completato l’iter procedurale che consentirà l’acquisizione telematica dei titoli di soggiorno, i soggetti in possesso della carta di soggiorno per familiare potranno trasmettere una domanda telematica e rilasciare un’autodichiarazione contenente l’indicazione del documento posseduto con l’opportuno riferimento agli estremi dello stesso:

  • tipo di permesso (permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, carta di soggiorno per cittadino di familiare dell’Unione Europea, etc);
  • numero di permesso;
  • autorità che lo ha rilasciato;
  • data di rilascio;
  • termine di validità.

Sarà compito delle sedi territoriali dell’Istituto di previdenza sociale, in cooperazione con gli uffici del Ministero dell’Interno, procedere alle opportune verifiche che saranno effettuate a campione attestanti o meno la veridicità delle autodichiarazioni presentate dagli stranieri.

Su richiesta dell’interessato, saranno, invece, oggetto di riesame le domande presentate dagli stranieri in possesso dei suddetti titoli precedentemente respinte.

Il richiedente presenterà istanza attraverso la compilazione dell’apposito modulo presso la sede Inps territorialmente competente che, valutato il possesso dei requisiti richiesti (con particolare attenzione al possesso di un ISEE non superiore a 25mila euro) metterà l’assegno in pagamento e con il primo pagamento saranno accreditate le mensilità arretrate eventualmente spettanti.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

INGRESSO PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE: NUOVI PROGETTI PREPARTENZA

Ingresso per ricongiungimento familiare | G11

L’Autorità Responsabile del Fondo Asilo Migrazione e Integrazione ha pubblicato un avviso relativo alla presentazione di progetti finalizzati all’acquisizione di competenze linguistiche e all’apprendimento dei principali elementi di educazione civica e della cultura del nostro paese da parte di soggetti che stanno per fare il loro ingresso in Italia per motivi di ricongiungimento familiare.

L’obiettivo di questi progetti è duplice, infatti da un lato essi sono finalizzati ad agevolare l’ingresso e l’integrazione degli stranieri per consentire loro un effettivo esercizio dei diritti e dei doveri ad essi spettanti e, dall’altro, hanno la finalità di limitare i rischi sociali che possono derivare dalla mancata o scarsa conoscenza dei valori fondanti il nostro ordinamento. Pertanto, per consentire il finanziamento degli stessi, sono stati stanziati 3 milioni di euro.

Sono ammessi a presentare proposte progettuali i seguenti soggetti:

  • enti e associazioni iscritti alla prima sezione del registro di cui all’art. 42 del TU in materia di immigrazione;
  • organismi e organizzazioni internazionali o intergovernativi operanti nel campo delle migrazioni inseriti nell’elenco pubblicato dal Ministero degli affari esteri;
  • università;
  • istituti di ricerca;
  • organismi di diritto privato senza fini di lucro;
  • Società cooperative e consortili;
  • organismi accreditati dalle singole regione o province autonome per lo svolgimento di attività di formazione professionale e servizi di lavoro;
  • operatori pubblici e privati accreditati dalle singole regioni;

Ogni soggetto può presentare una sola proposta progettuale ed è necessaria l’attestazione dell’adesione delle Rappresentanze diplomatiche italiane all’estero dei paesi nei quali si prevede l’attuazione del progetto.

Ogni singola attività oggetto del progetto dovrà essere dettagliatamente descritta, con specifica indicazione:

  • della durata dei singoli interventi;
  • delle metodologie ed i setting utilizzati;
  • delle azioni proposte;
  • del numero dei destinatari.

Gli interventi, a pena di inammissibilità, dovranno essere presentati in almeno 7 Paesi terzi in relazione alle principali comunità straniere presenti in Italia (Marocco, Albania, Cina, Ucraina, Filippine, India, Moldavia, Bangladesh, Egitto, Perù, Sri Lanka, Pakistan, Senegal, Tunisia, Ecuador, Nigeria e Macedonia).

Il numero dei destinatari non può essere inferiore a 5mila unità, si tratta di cittadini stranieri che si trovano nei paesi scelti dal progetto e che soddisfano i requisiti per l’ingresso in Italia per motivi di ricongiungimento familiare.

La domanda di ammissione può essere presentata attraverso la corretta compilazione della modulistica presente sul sito: https://fami.dlci.interno.it/fami/, a partire dalle ore 12;00 del giorno 28 novembre 2016 ed entro le ore 16;00 del 31 gennaio 2017.

Le attività progettuali saranno, invece, attivate, a partire dal giorno di avvio della comunicazione di avvenuta registrazione del decreto di approvazione della Convenzione di Sovvenzione e le stesse si concluderanno entro e non oltre il 31 marzo 2019.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

RINNOVO PERMESSO DI SOGGIORNO: VALUTATO L’IMPEGNO INDIVIDUALE

Permesso soggiorno: valutato impegno individuale | G11

Il TAR per la Lombardia, con la Sentenza n. 1391/2016 ha chiarito che, ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno, a causa dell’attuale crisi economica, va attentamente valutato l’impegno individuale mostrato nella ricerca di una regolare occupazione, entro un termine ragionevole, dal cittadino extracomunitario al fine di migliorare la propria situazione reddituale, presupposto indispensabile per il rinnovo.

Nel caso di specie, i giudici amministrativi hanno accolto il ricorso presentato da una cittadina extracomunitaria che si era vista negare il rinnovo del permesso di soggiorno per l’assenza di un reddito adeguato (in particolare, aveva svolto in modo non continuativo l’attività di collaboratrice domestica, anche sulla base di rapporti non regolari).

Secondo i giudici del TAR, in materia di immigrazione, le norme relative al rapporto tra gli stranieri e l’ordinamento statale devono essere interpretate alla luce dei principi di buona fede e di proporzionalità, considerando anche la difficoltà oggettiva che hanno i cittadini extracomunitari nell’inserirsi nel contesto sociale e lavorativo dello stato ospitante.

A questa difficoltà si aggiunge anche l’attuale situazione di crisi economica in cui versa il nostro ordinamento, che rende sicuramente più difficile l’inserimento lavorativo di un cittadino straniero. Pertanto, ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno, è opportuno considerare l’impegno individuale profuso da ogni singola persona nella ricerca e nel ritrovamento di una occupazione stabile dalla quale ricavare un reddito ai fini del miglioramento delle proprie condizioni.

Nell’equilibrio tra produzione di reddito e impegno lavorativo è quest’ultimo ad avere un peso maggiore, allorché sia dimostrato il costante impegno dello straniero nella ricerca di un lavoro che sia adeguato alle proprie attitudini e capacità, e che sia trasparente, sia da un punto di vista fiscale che contributivo.

Tale impegno individuale va, naturalmente considerato entro un termine ragionevole, in quanto non possono essere tutelate situazioni di precarietà che si dilatano indefinitivamente, indice di un disinteresse sostanziale mostrato dallo straniero.

I giudici, precisano, infine, che tale principio lo si ricava anche normativamente, infatti gli articoli 5 e 22 del D.Lgs. 286/1998 consentono il rinnovo del permesso di soggiorno anche per quei cittadini extracomunitari in attesa di una occupazione e, quindi, anche nel caso in cui non sia da essi svolta alcuna attività lavorativa.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

LAVORATORI STAGIONALI: LE NUOVE REGOLE PER I CITTADINI EXTRACOMUNITARI

Nuove regole extracomunitari | G11

A partire dal 24 novembre 2016 entrerà in vigore il Decreto legislativo n. 193 del 29 ottobre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 del 9 novembre 2016, che disciplina le condizioni di ingresso e di soggiorno dei cittadini extracomunitari per motivi di impiego in qualità di lavoratori stagionali.

Allo straniero che, nel corso dei 5 anni precedenti e per impegni ripetitivi, ha fatto ingresso nel territorio nazionale per lo svolgimento di attività lavorativa stagionale, potrà essere rilasciato un permesso pluriennale fino a 3 annualità, indicando, specificatamente, il periodo di validità relativo ad ogni anno.

È previsto l’obbligo, in capo ai datori di lavoro che intendano assumere lavoratori stranieri per lo svolgimento di attività stagionale, di presentare una richiesta nominativa allo sportello unico per l’immigrazione della provincia di residenza. Entro 20 giorni dalla presentazione della richiesta sarà rilasciato un nulla osta al lavoro, anche con valenza pluriennale, la cui durata sarà corrispondente a quella del lavoro stagionale oggetto di richiesta.

Decorsi 20 giorni dalla data in cui è stata presentata la richiesta da parte del datore di lavoro e qualora non sia stato comunicato il diniego, il nulla osta si considera comunque rilasciato solo in presenza di una regolare assunzione e qualora lo stesso lavoratore straniero abbia già ricevuto una precedente autorizzazione (nel corso dei 5 anni precedenti).

Al lavoratore in possesso del nulla osta è concesso lo svolgimento dell’attività lavorativa fino ad un massimo di 9 mesi nel periodo di un anno ed entro tale limite il permesso può essere prorogato.

È possibile il rinnovo del permesso di soggiorno qualora lo straniero riceva una nuova offerta di lavoro stagionale da parte dello stesso o di altro datore di lavoro, senza che lo stesso sia costretto a ritornare nel proprio paese di origine per ottenere un nuovo visto da parte dell’autorità consolare.

Quando il lavoratore beneficia di un alloggio che gli viene fornito direttamente dal datore di lavoro, quest’ultimo è tenuto a provare l’effettiva disponibilità e l’idoneità dello stesso, attraverso la presentazione di una idonea documentazione. Inoltre, il canone dell’alloggio non potrà essere superiore ad un terzo della retribuzione percepita dal lavoratore e non potrà essere da questa decurtato.

Infine, il permesso di soggiorno per lavoro stagionale può essere convertito quando si verificano queste condizioni:

  • lo straniero ha svolto in Italia attività lavorativa per almeno tre mesi;
  • gli è stato offerto un contratto a tempo determinato o indeterminato.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

PERMESSO DI SOGGIORNO PER ATTESA OCCUPAZIONE: I CHIARIMENTI MINISTERIALI

Permesso di soggiorno per attesa occupazione | G11

Il Ministero dell’Interno, dipartimento della Pubblica Sicurezza, con la circolare n. 40579 del 3 ottobre 2016, ha fornito puntuali indicazioni operative in relazione al rilascio e al rinnovo del permesso di soggiorno per attesa occupazione.

L’art. 22, comma 11, del D.Lgs. n. 286/1998, prevede un termine di validità minima del permesso di soggiorno per attesa occupazione, infatti il lavoratore straniero, in possesso di un permesso di soggiorno per lavoro subordinato, in seguito alla perdita del posto di lavoro (anche per dimissioni) potrà essere iscritto nelle liste di collocamento per tutto il periodo di residua validità del permesso e comunque per un periodo non inferiore ad un anno.

Pertanto, la durata minima di un anno non è subordinata al termine di residua validità del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.

La disposizione, prevedendo un termine di validità minima, non pone alcun limite all’eventuale rinnovo anche per periodi di tempo superiori, pertanto lo stesso può essere rinnovato anche nelle annualità successive alla prima concessione.

Per garantire una corretta attuazione della norma, la pubblica amministrazione dovrà valutare una serie di elementi, tra cui la situazione complessiva del lavoratore, la sua eventuale pericolosità sociale, le convenzioni e gli accordi internazionali resi esecutivi in Italia (se esistenti) e soprattutto il diritto all’unità familiare.

Proprio in riferimento al ricongiungimento familiare, ai fini della determinazione del reddito, potrà tenersi conto anche di quello annuo complessivo di tutti i familiari conviventi con il richiedente.

Viene, infine, chiarito che l’accertamento del requisito del reddito minimo (art. 22, comma 11 TUI), può aver luogo anche sulla base di un giudizio prognostico, così come stabilito dalla sentenza del Consiglio di Stato n. 2730/2016.

I Giudici di Palazzo Spada hanno, infatti, elencato una serie di elementi specifici (contratto a tempo indeterminato o determinato, full time o part time, etc.) dai quali sarà possibile per l’Amministrazione emettere un giudizio prognostico relativo all’eventuale reddito che lo straniero percepirà.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

PRESTAZIONI SOCIALI PER STRANIERI: NON È NECESSARIA LA CARTA DI SOGGIORNO

prestazioni sociali per stranieri senza carta di soggiorno

La Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale, con una serie di sentenze depositate tra il 2008 e il 2014, hanno chiarito che possono usufruire dell’indennità di accompagnamento, dell’assegno di invalidità e della pensione d’inabilità, tutti i cittadini stranieri titolari del permesso di soggiorno, indipendentemente se siano o meno in possesso della carta di soggiorno.

In riferimento all’indennità di accompagnamento, la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 306 del 30 luglio 2008, ha chiarito che è illegittima l’esclusione dalla prestazione sociale dei cittadini extracomunitari che non siano in possesso della carta di soggiorno, la quale può essere attribuita solo se lo straniero è in possesso di specifici requisiti reddituali.

Costituiva, inoltre, violazione del principio di uguaglianza (art. 3 della Costituzione) la previsione secondo la quale la fruizione della pensione di inabilità era subordinata al possesso della Carta di soggiorno e alla titolarità di un reddito, causando così una disparità di trattamento tra cittadini italiani e stranieri (Corte costituzionale, sentenza n. 11 del 23 gennaio 2009).

La Corte Costituzionale ha, inoltre, chiarito (Sentenza n. 187 del 28 maggio 2010) che la richiesta dell’assegno di invalidità da parte del cittadino straniero non è subordinata al possesso della carta di soggiorno (e quindi al requisito della permanenza nel territorio dello stato da almeno 5 anni) proprio per la finalità della prestazione sociale, che è quella di garantire al soggetto un sostentamento, indipendentemente se esso sia italiano o straniero.

Viene confermato anche con una successiva sentenza della Corte Costituzionale (n. 40/2013) che la titolarità della carta di soggiorno non costituisce più un requisito indispensabile ai fini della concessione sia dell’indennità di accompagnamento, che della pensione di inabilità.

Di recente (26 novembre 2016) è intervenuta anche la Corte di Cassazione (Sentenza n. 26380/2016) sul tema del riconoscimento dell’assistenza sociale per i cittadini stranieri. Gli Ermellini hanno, infatti, ribadito che nella fruizione delle prestazioni sociali non deve esistere una disparità di trattamento tra cittadini italiani e stranieri.

Pertanto, in virtù delle precedenti pronunce, la Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 8069 del 7 aprile 2014, ha consentito ad una cittadina straniera, priva della carta di soggiorno e unica erede di una assistita Inps, la riscossione degli arretrati dell’indennità di accompagnamento di cui era titolare l’assistita.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

ILLEGITTIMO IL CONTRIBUTO PER IL RILASCIO O IL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Illegittimo il contributo per il permesso di soggiorno | G11

Il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, con la Sentenza n. 4487 del 26 ottobre 2016, ha dichiarato l’illegittimità del decreto interministeriale del 6 ottobre 2011, che stabilisce il versamento di un contributo da 80 a 200 euro a carico degli stranieri che intendano richiedere il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

Nel caso di specie, i giudici di Palazzo Spada respingono l’appello presentato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero dell’Interno e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze contro l’annullamento del decreto interministeriale, disposto dal TAR del Lazio.

In particolare, il decreto interministeriale oggetto di impugnativa aveva previsto i seguenti oneri contributivi per il rilascio e per il rinnovo dei permessi di soggiorno:

– € 80,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi ed inferiore o pari ad un anno;

– € 100,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore ad un anno e inferiore o pari a due anni;

– € 200,00 per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo e per i richiedenti il permesso di soggiorno ai sensi dell’articolo 27, comma 1, lett. a), del Testo Unico immigrazione.

I giudici amministrativi, hanno sottolineato che anche la Corte di Giustizia, con la sentenza del 2 settembre 2016, nel valutare complessivamente il sistema vigente in Italia per i contributi richiesti agli stranieri che intendono stabilizzarsi e richiedere il permesso UE per il lungo soggiorno, ha chiarito che “la direttiva 2003/109 osta ad una normativa nazionale, come quella controversa nel procedimento principale, che impone ai cittadini di paesi terzi che chiedono il rilascio o il rinnovo di un permesso di soggiorno nello Stato membro considerato di pagare un contributo di importo variabile tra € 80,00 ed € 200,00, in quanto siffatto contributo è sproporzionato rispetto alla finalità perseguita ed è atto a creare un ostacolo all’esercizio dei diritti conferiti da quest’ultima”.

Pertanto, sulla base di questa decisione, il Consiglio di Stato ha chiarito che la disposizione che prevede il versamento dei contributi richiesti (che vanno da un minimo di 80 ad un massimo di 200 euro) va disapplicatain quanto costituenti nel loro complesso un ostacolo, per il loro importo eccessivamente elevato, ai diritti conferiti ai cittadini stranieri richiedenti i permessi UE di lungo soggiorno, con conseguente illegittimità del D.M.” (Consiglio di Stato, sent. n. 4487 del 26 ottobre 2016).

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

BONUS BEBÈ ANCHE PER CITTADINI EXTRACOMUNITARI REGOLARMENTE SOGGIORNANTI

Bonus bebè per extracomunitari regolari | G11

Il Tribunale di Bergamo, Sezione Lavoro, con l’ordinanza n. 4897 del 22 settembre 2016, ha stabilito che è discriminatoria la negazione del “bonus bebè” ai cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia, per il mancato possesso del permesso di soggiorno di lunga durata.

Nel caso di specie, il Tribunale accoglie il ricorso presentato da alcuni cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia e con una certa stabilità, che si erano visti negare dall’Inps le domande, regolarmente presentate, per beneficiare del “bonus bebè” (articolo 1, comma 125, legge n. 190/2014).

Il giudice di merito, ricordando la direttiva 2011/98/UE, precisa che i lavoratori stranieri beneficiano dello stesso trattamento riservato ai cittadini dello stato membro in cui soggiornano. L’obbligo che discende dalla direttiva, anche se non è stato ancora recepito in Italia, nonostante la scadenza dei termini, ha efficacia diretta e grava su tutti gli organi dello stato, comprese le pubbliche amministrazioni.

Pertanto, costituisce una forma di discriminazione oggettiva subordinare il riconoscimento del bonus bebè al possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo, creando così una palese disparità di trattamento tra cittadini stranieri e italiani e, qualora i cittadini stranieri siano anche lavoratori, costituirebbe anche violazione della direttiva 2011/98/UE.

Viene, inoltre, precisato che sono considerati “stranieri lavoratori”, ai fini dell’applicazione della direttiva comunitaria, anche i soggetti titolari di permesso di soggiorno per motivi familiari, tale permesso, infatti, consente comunque lo svolgimento dell’attività lavorativa al suo titolare.

Pertanto il permesso di soggiorno, non potendo essere collegato alla titolarità del soggiorno di lungo periodo, dovrà semplicemente possedere il requisito della legalità, che non fa riferimento alla condizione del soggiornante, ma alla sua effettività in senso sostanziale”.

Giuseppe Cassone


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

PROTEZIONE INTERNAZIONALE E IMMIGRAZIONE ILLEGALE: LE MISURE URGENTI DEL GOVERNO

Nella riunione del 10 febbraio 2017, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge avente ad oggetto disposizioni... leggi tutto

LA COMMISSIONE DEI REATI È OSTATIVA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 330 del 26 gennaio 2016, ha affermato che la condanna per... leggi tutto

PERMESSO DI SOGGIORNO ED EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 287 del 24 gennaio 2017 ha chiarito che, nell’ipotesi in cui... leggi tutto

SEPARAZIONE DI FATTO: IL DIRITTO DI CITTADINANZA NON SI PERDE

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 969 del 17 gennaio 2017 ha chiarito che il diritto di... leggi tutto

LE NUOVE REGOLE PER I TRASFERIMENTI INTRA-SOCIETARI

L’11 gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove regole in materia di ingresso e di soggiorno di lavoratori... leggi tutto

INDENNITÀ DI FREQUENZA ANCHE AI TITOLARI DI PERMESSO DI SOGGIORNO

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27557 del 30 dicembre 2016, ha affermato che sussiste il diritto... leggi tutto

DECRETO MILLEPROROGHE: ANCORA VIETATA L’AUTOCERTIFICAZIONE AGLI STRANIERI

Il decreto legge n. 244/2016 (cd. decreto Milleproproghe), pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2016, ha prorogato di... leggi tutto

REATO DI TRUFFA: LEGITTIMO IL DINIEGO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5014 del 28 novembre 2016, ha affermato che è legittimo il... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

ANALIZZIAMO I DATI PER SCEGLIERE LE STRATEGIE AZIENDALI

Analizzare dati per strategie aziendali g11

Tutte le aziende sono sommerse da dati, informazioni, report e statistiche.

Poche però hanno la capacità di immagazzinare e veicolare questi dati in modo intelligente.

Al fine di dare una vita propria e un senso a dei numeri che, singolarmente non hanno un significato specifico ma, nel loro complesso, possono essere la chiave di volta di una situazione particolarmente complessa e nebulosa, occorre procedere con una mappatura e un’analisi attenta e scrupolosa.

Facciamo un esempio.

Prendiamo un’azienda con un centinaio di dipendenti che ha un grosso problema collegato all’assenteismo.

  • Quante sono le persone che si assentano in un anno?
  • In che periodo dell’anno si assentano maggiormente?
  • Le malattie brevi, si concentrano in alcuni giorni particolari della settimana?
  • Quali mansioni svolgono queste persone?
  • Qual è l’età di questi lavoratori?
  • Che anzianità hanno all’interno dell’azienda?
  • I lavoratori interessati sono giornalieri o turnisti?
  • Se sono turnisti, le assenze sono più concentrate nel turno diurno o in quello notturno?

Una volta che abbiamo rilevato questi dati, sarebbe interessante valutarne l’andamento nell’arco di un periodo prestabilito, esempio gli ultimi 5 anni, ed analizzarne l’impatto al verificarsi di alcuni eventi specifici (es. operazioni societarie straordinarie, cambio del management o dell’organizzazione aziendale).

Una volta effettuata la mappatura di queste informazioni, potrebbe essere ancora più interessante mettere in atto delle strategie correttive e valutarne gli effetti a livello numerico.

Ipotizziamo, ad esempio, una volta fatta un’analisi dettagliata e storica, di organizzare un corso motivazionale per responsabilizzare il personale oppure mettere in pista un corso di team coaching.

  • Quali sono gli effetti al termine del corso?
  • Il numero degli eventi di malattia sono rimasti costanti o sono diminuiti?

In base all’analisi dei numeri, capiremo se perseguire questa strada o cambiare strategia.

Mettiamo quindi da parte le “sensazioni” ed affidiamoci ai numeri per scegliere la strada da percorrere valutando i risultati sulla base di indici certi e misurabili.

Sandra Paserio – Consulente del Lavoro – HR Problem Solver – Coach Professionista


Torna alla specializzazione.
Pagina del professionista.
Contattaci.


Ultimi Aggiornamenti

TIROCINI EXTRACURRICOLARI: UN’OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE

I tirocini extracurricolarI sono un ottimo strumento per: accompagnare i giovani a scoprire il mondo del lavoro; riqualificare i... leggi tutto

RELAZIONI INTERPERSONALI: MATASSE INGARBUGLIATE

Le relazioni interpersonali che animano le aziende sono matasse ingarbugliate. In ambienti contaminati da una comunicazione malsana: le riunioni la richiesta di... leggi tutto

GESTIRE STRATEGICAMENTE LE RISORSE UMANE PER FARE LA DIFFERENZA

Oggi più che mai le aziende si rendono conto di quanto è importante gestire correttamente i rapporti interpersonali. Dietro aziende... leggi tutto

I FATTORI DI SUCCESSO DEL WELFARE AZIENDALE

In un contesto italiano di prolungata instabilità e crescente fragilità sociale, il welfare aziendale è diventato lo strumento ideale... leggi tutto

Contestazione disciplinare: come trasformare un problema in un’azione di miglioramento produttivo

  Spesso ci focalizziamo sui problemi che ogni giorno inondano le nostre aziende senza fermarci ad analizzare se, dietro a... leggi tutto

IL CAMBIAMENTO COME PUNTO DI PARTENZA DELL’IMPRENDITORE DI DOMANI

Abbandonare la propria zona di confort per approcciarsi ad un mercato che incalza verso l’innovazione, non è cosa semplice.... leggi tutto

GESTIAMO CORRETTAMENTE IL NOSTRO TEMPO PER PIANIFICARE COSE IMPORTANTI

Ognuno di noi ha a disposizione lo stesso tempo ma nello stesso tempo non tutti ottengono gli stessi risultati. Ciò... leggi tutto

ANALIZZIAMO I DATI PER SCEGLIERE LE STRATEGIE AZIENDALI

Tutte le aziende sono sommerse da dati, informazioni, report e statistiche. Poche però hanno la capacità di immagazzinare e veicolare... leggi tutto


Richiedi informazioni

Lascia la tua email. Un nostro consulente vi contatterà immediatamente per individuare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.